Sulla concezione figurativa dell’“habitat” paradisiaco: a proposito di un affresco romano poco noto