I diritti "identici" dei consumatori e degli utenti: un tentativo di destrutturazione di categorie dogmatiche?