Produttività, contrattazione e "patto sociale". Un richiamo ai fondamenti