A proposito di due celebri edizioni novecentesche della Città del Sole di Campanella