Il saggio illustra la presenza, in diversi testi di autori-soldati impegnati al fronte durante gli anni della Grande Guerra, di alcuni motivi che si credono fondamentali alla luce dell’impatto tragico che l’esperienza bellica ebbe sui combattenti e sui sopravvissuti. Si intende dimostrare come l’arte di (non) sopravvivere, il ritorno dei morti e il panismo fragile siano tre tematiche fondamentali nelle poesie degli autori che presero parte al conflitto (Clemente Rebora, Giuseppe Ungaretti, Camillo Sbarbaro, Auro d’Alba, Corrado Alvaro, Alberto Savinio).

RIGO P (2014). La lirica fragile. L'esperienza della poesia nella Grande Guerra. Alcuni motivi ricorrenti. BOLLETTINO DI ITALIANISTICA, XI(2), 88-103.

La lirica fragile. L'esperienza della poesia nella Grande Guerra. Alcuni motivi ricorrenti

RIGO, PAOLO
2014

Abstract

Il saggio illustra la presenza, in diversi testi di autori-soldati impegnati al fronte durante gli anni della Grande Guerra, di alcuni motivi che si credono fondamentali alla luce dell’impatto tragico che l’esperienza bellica ebbe sui combattenti e sui sopravvissuti. Si intende dimostrare come l’arte di (non) sopravvivere, il ritorno dei morti e il panismo fragile siano tre tematiche fondamentali nelle poesie degli autori che presero parte al conflitto (Clemente Rebora, Giuseppe Ungaretti, Camillo Sbarbaro, Auro d’Alba, Corrado Alvaro, Alberto Savinio).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/137300
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact