Un picaro tra cinema e letteratura