TH. W. ADORNO E LA SECONDA NATURA