Etica professionale e virtù: la pratica della prudenza