L’infinito verbale dal latino alle lingue romanze