Un ricordo di Victor Zaslavsky