Gian Vincenzo Gravina e il “paradigma romanistico” dello Stato sub lege