Angiolina sive natura. Su “Senilità” di Svevo