Zero a chi boccia. Dalla Russia una riflessione significativa