Parole sul "grembo del nulla". Musil e l'artificialità dei segni