Del generare e del nascere: il minimo antropologico necessario alla bioetica