Il curioso caso di una fictio litis (tre volte) inammissibile. Nota alla sentenza della Corte costituzionale n. 38 del 2009