Joseph Roth: il viandante senza Itaca