La recente edizione critica del misterioso Pataffio, con nuova attribuzione al novelliere e poeta trecentesco Franco Sacchetti, viene esaminata in tutta la sua carica innovativa. In seguito a prime indagini, sono posti in rilievo alcuni aspetti sul piano filologico e lessicografico. In particolare, l'uso di lemmi e di sintagmi peregrini testimonia la fortuna e la circolazione del poemetto nel Quattrocento e nel Cinquecento.

Crimi, G. (2008). L’edizione del “Pataffio”. BOLLETTINO DI ITALIANISTICA, n.s., V(1), 144-156.

L’edizione del “Pataffio”

CRIMI, Giuseppe
2008-01-01

Abstract

La recente edizione critica del misterioso Pataffio, con nuova attribuzione al novelliere e poeta trecentesco Franco Sacchetti, viene esaminata in tutta la sua carica innovativa. In seguito a prime indagini, sono posti in rilievo alcuni aspetti sul piano filologico e lessicografico. In particolare, l'uso di lemmi e di sintagmi peregrini testimonia la fortuna e la circolazione del poemetto nel Quattrocento e nel Cinquecento.
Crimi, G. (2008). L’edizione del “Pataffio”. BOLLETTINO DI ITALIANISTICA, n.s., V(1), 144-156.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/140682
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact