Il moto retrogrado della cultura diffusa