Sulla libertà di recesso dal contratto collettivo a tempo indeterminato