I segni e la vita, la realtà e il "rovesciamento" nei racconti di Campailla