L'esperienza virtuale non basta