Il corpo visto, il corpo abitato. In profondità si intuisce il tempo, in superficie si scorge l’immagine. Dietro alle rappresentazioni della figura umana e sotto gli automatismi del corpo quotidiano, sopravvive un corpo abitato dalla memoria, dall’energia, dalla vita, apparso talvolta nelle pratiche artistiche che lo hanno mostrato nella sua versione performativa. Quale articolazione lega visione ed azione, forma e bios, sguardo e gesto? Nella pratica dell’autoritratto fotografico, che mette in scena il corpo di fronte ad un pubblico assente, e nella danza butō, che corrode le forme e sperimenta una nuova filosofia del corpo, troviamo possibili terreni di formulazione di queste domande.

Marenzi S (2009). Autoritratto - Dal dentro del corpo. YOD, 3, 56-63.

Autoritratto - Dal dentro del corpo

MARENZI, SAMANTHA
2009

Abstract

Il corpo visto, il corpo abitato. In profondità si intuisce il tempo, in superficie si scorge l’immagine. Dietro alle rappresentazioni della figura umana e sotto gli automatismi del corpo quotidiano, sopravvive un corpo abitato dalla memoria, dall’energia, dalla vita, apparso talvolta nelle pratiche artistiche che lo hanno mostrato nella sua versione performativa. Quale articolazione lega visione ed azione, forma e bios, sguardo e gesto? Nella pratica dell’autoritratto fotografico, che mette in scena il corpo di fronte ad un pubblico assente, e nella danza butō, che corrode le forme e sperimenta una nuova filosofia del corpo, troviamo possibili terreni di formulazione di queste domande.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/141671
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact