«Ad modum speculorum»: “visus” e astri nella metafora dantesca dello specchio