Sull'apparente irrilevanza della tecnica nella giurisprudenza costituzionale più recente