La "malattia" del corpo, la "malattia dell'anima" e la felicità