Ripensare l'individualizzazione: prime riflessioni sull'esperienza DIVA