Contratto collettivo e rilevanza ermeneutica della contrattazione successiva