Leggere gli «auctores»: la lettura dei grammatici antichi