La tecnologia: un artificium per l’insegnamento