"Yo" tra metafora e letteralità: lettura del sonetto "Cuando me paro a contemplar m'stado" di Garcilaso de la Vega