Beni pubblici: dallo Stato ai signori della guerra?