Spinoza, Cage e il dio "che non trae diletto dall'armonia"