Quando la comunicazione in aula si ammala