Il contributo si sofferma sull'interpretazione della novella di 'Decameron', VIII 5, nella quale si alluderebbe ad un pratica di pubblico dileggio. A queste nuove proposte si accompagna l'analisi della fortuna, in particolar modo si esamini un sonetto attribuibile a Luigi Pulci, scritto contro Bartolomeo Scala (Non sa' tu che c'è Bruno e Buffalmaco).

Crimi, G. (2009). La beffa di 'Decameron' VIII 5 e il sonetto 'Non sa’ tu che c’è Bruno e Buffalmaco'. STUDI (E TESTI) ITALIANI, 24, 153-177.

La beffa di 'Decameron' VIII 5 e il sonetto 'Non sa’ tu che c’è Bruno e Buffalmaco'

CRIMI, Giuseppe
2009-01-01

Abstract

Il contributo si sofferma sull'interpretazione della novella di 'Decameron', VIII 5, nella quale si alluderebbe ad un pratica di pubblico dileggio. A queste nuove proposte si accompagna l'analisi della fortuna, in particolar modo si esamini un sonetto attribuibile a Luigi Pulci, scritto contro Bartolomeo Scala (Non sa' tu che c'è Bruno e Buffalmaco).
Crimi, G. (2009). La beffa di 'Decameron' VIII 5 e il sonetto 'Non sa’ tu che c’è Bruno e Buffalmaco'. STUDI (E TESTI) ITALIANI, 24, 153-177.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/148349
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact