Economia e romanzo. La strana “partita doppia” di Giacomo Debenedetti