Per una nuova interpretazione di BdT 183, 11: «a bon coratg’ e bon poder»