Su "Troppi paradisi" di Walter Siti