L’instabilità delle metafore. Su "La vicevita" di Valerio Magrelli