P. Neruda, Confesso che ho vissuto