Su "Cavallo e Cavaliere. L'armatura come seconda pelle del gentiluomo moderno" di Amedeo Quondam