Su "Il filo e le tracce. Vero, falso, finto" di Carlo Ginzburg