Corte costituzionale e razionalizzazione legislativa: ancora una pronuncia “audacemente sostitutiva”