Beccaria, la pena di morte e la tentazione dell’abolizionismo