Nuove norme sulla dirigenza: il legislatore miope e le voci amiche