Qualche osservazione su alcune lettere di Carlo Maria Curci