Sulla «storia della pace»