La legge di riordino della dirigenza: nostalgie, antilogie ed amnesie