Lo stato fa shopping di concorrenza negli appalti pubblici