Il lavoro su Verso il processo civile moderno, in Historia et ius. Rivista di storia giuridica dell’età medievale e moderna, 5 (2014), pp. 1-10; ISSN 2279-7416, prendendo spunto dalla traduzione italiana dell’opera di Knut Wolfgang Nörr, Versuch einer Anleitung zu der ganzen praktischen Rechtsgelahrtheit, si sofferma sulla natura dei contributi scientifici relativi alla storia del diritto processuale civile nell’Italia del XX e XXI secolo: poche pagine affiorano sulla storia generale del processo civile italiano, ancor meno sulla cultura giuridica processual-civilistica e sugli atteggiamenti dottrinali che hanno orientato le stabilizzazioni normative dei secoli precedenti, offrendo al legislatore continui motivi di riflessione e spinte riformistiche. Emergono per lo più studi specifici su segmenti storici ben definiti. Con riferimento alla codificazione unitaria la cultura giuridica italiana soffre la mancanza di un lavoro storiografico complessivo sul processo civile e sulla scienza giuridica processualistica. Del resto, si è potuto esaminare come, a fronte dell’impostazione formalistica seguita nella composizione dei contenuti del codice di rito e, di conseguenza, a fronte di una dottrina così profondamente invasa dal formalismo del legislatore unitario cui essa sembra aderire incondizionatamente, non ci si poteva forse attendere una rielaborazione critica dei momenti di formazione e di riforma della codificazione processuale e tanto meno della cultura giuridica che a questi momenti aveva fatto da sfondo. La base di partenza per un’analisi storico-giuridica si presenta dunque fragile e potenzialmente si orienta ad essere anch’essa stretta nella tenaglia del formalismo codicistico e di quella cultura giuridica ove l’interpretazione delle norme del codice è di tipo rigorosamente esegetico e non evolutivo: la finalità che si persegue è quella dell’analisi tecnico-giuridica del testo letterale della singola norma, non quella di configurare un meccanismo processuale che, benché retto da norme spesso inadeguate, possa di fatto operare in modo efficiente.

Ferri, G. (2014). Verso il processo civile moderno. HISTORIA ET IUS, 5, 1-10.

Verso il processo civile moderno

FERRI, GIORDANO
2014

Abstract

Il lavoro su Verso il processo civile moderno, in Historia et ius. Rivista di storia giuridica dell’età medievale e moderna, 5 (2014), pp. 1-10; ISSN 2279-7416, prendendo spunto dalla traduzione italiana dell’opera di Knut Wolfgang Nörr, Versuch einer Anleitung zu der ganzen praktischen Rechtsgelahrtheit, si sofferma sulla natura dei contributi scientifici relativi alla storia del diritto processuale civile nell’Italia del XX e XXI secolo: poche pagine affiorano sulla storia generale del processo civile italiano, ancor meno sulla cultura giuridica processual-civilistica e sugli atteggiamenti dottrinali che hanno orientato le stabilizzazioni normative dei secoli precedenti, offrendo al legislatore continui motivi di riflessione e spinte riformistiche. Emergono per lo più studi specifici su segmenti storici ben definiti. Con riferimento alla codificazione unitaria la cultura giuridica italiana soffre la mancanza di un lavoro storiografico complessivo sul processo civile e sulla scienza giuridica processualistica. Del resto, si è potuto esaminare come, a fronte dell’impostazione formalistica seguita nella composizione dei contenuti del codice di rito e, di conseguenza, a fronte di una dottrina così profondamente invasa dal formalismo del legislatore unitario cui essa sembra aderire incondizionatamente, non ci si poteva forse attendere una rielaborazione critica dei momenti di formazione e di riforma della codificazione processuale e tanto meno della cultura giuridica che a questi momenti aveva fatto da sfondo. La base di partenza per un’analisi storico-giuridica si presenta dunque fragile e potenzialmente si orienta ad essere anch’essa stretta nella tenaglia del formalismo codicistico e di quella cultura giuridica ove l’interpretazione delle norme del codice è di tipo rigorosamente esegetico e non evolutivo: la finalità che si persegue è quella dell’analisi tecnico-giuridica del testo letterale della singola norma, non quella di configurare un meccanismo processuale che, benché retto da norme spesso inadeguate, possa di fatto operare in modo efficiente.
Ferri, G. (2014). Verso il processo civile moderno. HISTORIA ET IUS, 5, 1-10.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/282664
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact